L'acquamarina e la gioielleria sono sempre andate di pari passo fin dall'antichità, essendo una pietra particolarmente apprezzata per il suo colore puro e cristallino, per la sua trasparenza e la carenza di inclusioni e impurità. Una pietra di acquamarina ben tagliata può sprigionare tutte le sue proprietà e la sua bellezza incredibile.

Acquamarina Grezza

Geologicamente parlando questa pietra non è altro che la versione azzurra del berilio. L'acquamarina tende ad essere azzurra, alcune pietre più rare si spingono verso il blu intenso, determinandone anche il valore rispetto a quelle più comuni. È caratterizzata da sfumature verdi che solitamente vengono eliminate sottoponendo la pietra ad un riscaldamento oltre i 400 gradi. Il prezzo di un'acquamarina è determinato da diversi fattori ma il principale è la saturazione di colore: più il blu è intenso e profondo più la pietra è rara e quindi costosa. Ad incidere sul prezzo poi intervengono fattori come le inclusioni, il taglio ed ovviamente il peso (caratura). L'acquamarina in natura può essere trovata anche in formazioni piuttosto imponenti; la singola pietra più grande mai raccolta risale al 1910 in Brasile, dalla miniera di Minas Gerais, consistente in un singolo minerale da 110 chilogrammi, per 48.5cm di altezza e 42cm di diametro, mentre la singola acquamarina intagliata più grande è chiamata Dom Pedro: realizzata dallo scultore Bernd Munsteiner, è a forma di obelisco e pesa 10395 carati, attualmente è esposta allo Smithsonian National Museum of Natural History.

Acquamarina Dom Pedro

Altre pietre famose sono quelle incastonate in una tiara donata dal popolo brasiliano alla Regina Elisabetta II per la sua incoronazione del 1953, oppure una singola acquamarina sempre donata dal governo brasiliano questa volta alla moglie di Franklin Delano Roosevelt, Eleanor, nel 1935, da 1847 carati.

Tiara Acquamarina Elisabetta II

Come solitamente accade ogni minerale porta con sé una varietà di credenze e miti, alcuni più recenti altri più antichi che, per quanto possano essere fantasiosi e privi di fondamento, sono molto interessanti e curiosi da conoscere. Gli antichi romani credevano che una pietra di acquamarina sulla quale fosse incisa una rana fosse in grado di trasformare un nemico in amico, di risolvere le diatribe e di appianare le dispute. Altra proprietà magica conferita all'acquamarina nell'antichità fu quella di protezione sia per i soldati che andavano in battaglia sia per i marinari che dovevano affrontare le ire del dio PoseidoneAl giorno d'oggi si pensa che l'acquamarina sia una pietra perfetta per donare tranquillità, per far dissolvere la rabbia e migliorare l'umore. Per gli innamorati un'acquamarina si dice possa ravvivare il rapporto, mentre in epoca rinascimentale era usanza donarne una ad una ragazza in procinto di sposarsi come buon auspicio.

Eleanor Roosevelt Acquamarina

Indipendentemente da tutti i miti e le credenze l'acquamarina rimane una delle pietre preferite in gioielleria per il suo splendido colore e l'infinita luce che trasmette attraverso la sua sfaccettata trasparenza. Nel caso foste alla ricerca di un gioiello che comunichi purezza, luce, armonia e splendore l'acquamarina, magari abbinata a del pregiato oro bianco, è sicuramente un'ottima scelta.